Skip to content
 Home arrow Bookshop arrow Novita' arrow Il libro nero del comunismo italiano
Info: Il tuo browser non accetta i cookie. Se vuoi utilizzare il carrello e fare acquisti devi abilitare i cookie.

PDF

Il libro nero del comunismo italiano
 


Prezzo: €40,00 (incluso 4 % I.V.A.)

Roberto Festorazzi Roberto Festorazzi, con questa opera, colma una gigantesca lacuna storiografica, in quanto non esiste alcuna pubblicazione che documenti la genesi del comunismo italiano come una vicenda di straordinaria criminalità politica. L’autore, con un imponente scavo d’archivio, ha potuto dimostrare, non soltanto la totalmente illegale conquista del Partito comunista, da parte di Antonio Gramsci, con la brutale liquidazione del fondatore primo leader del partito, Amadeo Bordiga. Ma, soprattutto, con molti documenti, e con illustrazione di centinaia di casi individuali di vittime e carnefici, è riuscito a provare che Togliatti, e la leadership staliniana del Partito comunista, a partire dal 1928-30, misero in atto una collaborazione sotterranea, e sistemica, con gli apparati repressivi dello Stato fascista, per annientare, in Italia, la vecchia corrente dell’ex leader defenestrato Bordiga, e più in generale tutti i quadri dirigenti e i militanti del partito che si opponevano allo stalinismo. La “purga” di Togliatti venne condotta con una vera e propria strategia di “delazione di massa” che fornì al regime di Mussolini tutti gli elementi utili a smantellare la presenza organizzata del partito clandestino. In tal modo, il Pci poté “purificarsi”, e “decontaminarsi” ideologicamente dagli antichi residui del leninismo, tanto a Mosca, quanto a Parigi, dove il gruppo dirigente staliniano del Pci si consolidò, con tutta la rigidità del suo dogmatismo, nel corso degli anni Trenta del Novecento. Brossura 15 x 21 cm., pagg. 407 Stampato nel 2022 da Macchione

Disponibilità

Di solito viene spedito in: 96 h.

 







Ricerca Avanzata
Ricerca Avanzata (utilizza parametri preimpostati)